Calcoli salivari

Da un po’ di tempo ho dolore e gonfiore all’altezza della guancia in previsione del pranzo o della cena.

Importante è conoscere la sua età, adulto , adolescente o bambino?

Se il dolore è in età giovanile, probabilmente è affetto da “orecchioni”, un’infezione della ghiandola parotide che avviene in età scolare. Raramente colpisce gli adulti. È un’infezione data da un virus e comporta stati febbrili, nausea stanchezza mancanza di appetito….

Se fosse maggiorenne.

In questo caso ci si può orientare verso una calcolosi della ghiandola Parotide. Nella calcolosi della ghiandola avviene l’ostruzione completa o parziale di un dotto, tale ostruzione meccanica porta al rigonfiamento nelle fasi precedenti all’introduzione del cibo accompagnata talvolta da dolore.
È raro un innalzamento degli stati febbrili.
I calcoli sono cristalli di calcio che si aggregano formando dei sassolini di varie dimensioni.
Per fare una diagnosi precisa è meglio procedere con un’ecografia della zona aiutandosi semmai durante l’esame con l’introduzione di limone. Talvolta anche un RX endorale oppure una scialografia.
Per la risoluzione è necessario rivolgersi ad un otorino. La presenza di calcoli non va trascurata soprattutto per calcoli di medie e grandi dimensioni . Con gli ultrasuoni o con un intervento si possono rimuovere

Macchie nere e brunastre sui denti

Ho portato mio figlio di otto anni a fare la pulizia non molto tempo fa ed i denti sono già diventati marroni nerastri.

Innanzi tutto, è perfetto abituare il bambino alla pulizia dentale professionale ed all’ambiente odontoiatrico anche in età giovanile.

Se sono già presenti delle macchie attorno al dente dovrebbe controllare se sono limitate solo alla zona vicino alla gengiva e se sono presenti anche nelle zone interne del dente vicino al palato ed alla lingua.
Provi seguendo con attenzione come pulisce i denti suo figlio, potrebbe essere che il tempo dedicato è molto breve, che l’utilizzo dello spazzolino è troppo delicato ed il movimento nell’utilizzo non è corretto. Se così fosse potrebbe ritornare nello studio dove ha effettuato la pulizia per farsi insegnare il giusto metodo. Potrebbe inoltre usare delle pasticche rivelatrici di placca che aiutano nella localizzazione della placca e quindi potrebbe procedere con una nuova spazzolata fino all’eliminazione della placca e del colorante della pasticca.
Se appaiono veramente scure e con un adeguato spazzolamento non vanno via la causa potrebbe essere nell’azione di batteri cromogeni. Questi batteri producono sostanze solforate che a contatto con il ferro si depositano sui denti. Sono batteri dell’età infantile prepuberale, non sono batteri che portano alla carie, anzi sono batteri antagonisti dello streptoccocco mutans ma vanno eliminati professionalmente.
Dopo un adeguata pulizia si possono utilizzare prodotti per l’igiene orale alla lattoferrina (dentifrici, colluttori) che rallentano la loro proliferazione oppure delle pasticche con probiotici.

Si è formata una pallina sulla gengiva sotto ad un dente da un po’ di tempo si gonfia e si sgonfia senza che faccia nulla cosa potrebbe essere?

Se la gengiva vicino al rigonfiamento ed al dente è rossa allora potrebbe essere un problema del parodonto, il sistema che ricopre il dente (osso gengiva legamento parodontale) un’accurata pulizia professionale potrebbe risolvere il problema.

Il dente al di sopra del rigonfiamento è stato già curato da un dentista, da quanto tempo , le era stato detto che l’eventuale carie era profonda?

Se così fosse potrebbe essere che la polpa (la parte vitale del dente all’interno del dente stesso) sia in necrosi e quindi bisognerebbe procedere con un trattamento endodontico.

TRAUMA DENTALE

Mio figlio è caduto la settimana scorsa ha preso una brutta botta alla bocca. Un dente superiore è sceso e si è spostato, cosa devo fare?

Quanti anni ha suo figlio?

Se è in età prescolare, allora suo figlio non ha cambiato i denti e quindi il trauma che ha subito è sui denti decidui. Se fosse molto piccolo e non si è spaventato molto ed ora gioca e ride, tenga il dente sotto controllo.

Se il dente diventasse grigio allora vorrebbe dire che si è rotto il fascio vascolo nervoso ed il dente sta perdendo la vitalità. Lo porterei ad un controllo dal dentista e nel caso farei una lastra per controllare che il dente permanente sottostante non abbia subito traumi.

Se suo figlio è in età scolare e quindi ha già cambiato i denti farei una visita di controllo dal dentista con lastra e terrei sotto controllo la mobilità nelle prossime due settimane ed un eventuale cambiamento di colore.

 


Per ogni vostra necessità potete descrivere il problema e chiederci un parere,  vi ricontatteremo al più presto.

    - oppure

    Prenota ora la tua visita  

    © Studio dentistico DB Calef Roma - Tutti i diritti riservati